Partendo dalla Villa Cusani Confalonieri, villa di campagna seicentesca,ci immergiamo nel centro di Carate, ripercorrendo al sua storia: da quando,centro romano che deve il suo nome alla forma a “quadratea”, arrivò ad esserecentro religioso di prima importanza: tra le sue sei chiese picca infatti laBasilica dei Santi Pietro e Paolo della frazione di Agliate. Un gioielloromanico, raggiunto al termine di un percorso nel bosco, per allontanarci dallacittà, imparando a distinguere alberi, fiori e animali, recuperando un rapportodiretto con il mondo naturale, testimone dei cambiamenti di queste terre. Ilpercorso si svolge interamente nel comune di Carate Brianza, toccando lafrazione di  Agliate. Si consiglia di lasciarel’automobile nel comodo parcheggio di Via S. Bernardo. La passeggiata si svolgein parte su una strada asfaltata, in parte nel bosco: è quindi percorribile inbici con mountain bike.

Atmosfere medievali: da Carate Brianza ad Agliate per i boschi

Dettagli

lunghezza: 2,24 Km

difficolta' a piedi: bassa difficoltà

difficolta' in bici: bassa difficoltà

ideale per: amanti della storia e dell’arte

adatto a : coppie, amici

inizio del percorso: Via S. Bernardo, Carate Brianza

fine del percorso: Basilica dei Santi Pietro e Paolo, Agliate

comuni interessati: Carate Brianza

interesse: storico artistico e naturalistico


Punti di Interesse

image-placeholder.jpg

Chiesa Prepositurale di SS. Ambrogio e Simpliciano

La chiesa Chiesa Prepositurale di SS. Ambrogio e Simpliciano ha origini romaniche, ancora ben evidenti nella torre campanaria, mentre il corpo risente di un rimaneggiamento avvenuto tra la fine del ‘700 e l’inizio dell’800. Leggermente più antica, probabilmente della fine del ‘600, la statua del santo, che regge una croce: collocata su di una colonna barocca in pietra molera svetta nel cuore della piazza antistante la chiesa
image-placeholder.jpg

Parco di Villa Cusani Confalonieri

Verso la fine del 1500, la famiglia Confalonieri, si occupò del restauro dell’antica torre medievale, trasformando il preesistente complesso in villa residenziale. La villa di delizia presenta la caratteristica pianta a "U", con un corpo centrale allungato, e due ali asimmetriche ai lati. Al bordo del giardino, lungo il perimetro ovest della proprietà si trova invece la piccola fabbrica dell'Oratorio di Santa Maria Maddalena, che aveva in origine un uso privato. Il parco di Villa Cusani, divenuto pubblico solo nel 1976, con l’acquisto della villa da parte del Comune di Carate, possiede alberi centenari disposti in aree all’italiana e all’inglese
image-placeholder.jpg

Oratorio della Madonna di S. Bernardo

L’oratorio, costruito nel 1589 su di una preesistente cappellina dedicata a S. Bernardo, sorge all'incrocio tra Carate e Agliate. La devozione verso Vergine affonda le sue radici in tempi di poco più recenti: nel 1619 di consacrare l’edificio anche alla Madonna. La forma attuale gli è stata conferita nel 1965
image-placeholder.jpg

La “Via dei Mulini”

La lunga strada che costeggia il Lambro e attraversa Verano Brianza deve il suo nome ai 4 i mulini (Filo, Bistorgio, Resica, Ponte) che erano attivi su questo lato del fiume. Utilizzati non solo come macina per la farina e torchio per l’olio, le strutture erano impiegate anche per la tipica attività manifatturiera veranese, che prese il via nel ‘700 con lo sviluppo della bachicoltura e della lavorazione della lana: i mulini erano infatti indispensabili nelle fasi di candeggio, tintoria e follatura